approfondimento
 

IL CATTOLICO ADULTO CHE IL PAPA NON VUOLE

di Vito Mancuso
da La Repubblica - 06 luglio 2009

Nell'omelia di chiusura dell'Anno paolino Benedetto XVI ha dedicato la sua attenzione al concetto di "fede adulta". Si tratta di un' espressione con esplicite radici bibliche, cara a un filone importante della teologia del ' 900 (così il teologo martire antinazista Dietrich Bonhoeffer: "Il mondo adulto è senza Dio più del mondo non adulto, e proprio perciò forse più vicino a lui"), divenuta famosa nella vita politica italiana per l' uso che ne fece l' allora premier Romano Prodi rifiutando l' allineamento sull' astensione voluto dalla Conferenza episcopale in ordine al referendum sulle tematiche bioetiche. Il ragionamento di Benedetto XVI si può riassumere così: 1)È necessaria una fede adulta: "Con Cristo dobbiamo raggiungere l' età adulta, un' umanità matura... Paolo desidera che i cristiani abbiano una fede matura, una fede adulta". 2) La fede adulta passa per il rinnovamento del pensiero: "La nostra ragione deve diventare nuova... Il nostro modo di vedere il mondo, di comprendere la realtà - tutto il nostro pensare deve mutarsi a partire dal suo fondamento". 3) C' è un modo giusto e un modo sbagliato di rinnovare il pensiero in vista di una fede adulta, e il modo sbagliato è il seguente: " Fede adulta negli ultimi decenni è diventata uno slogan diffuso. Lo s' intende spesso nel senso dell' atteggiamento di chi non dà più ascolto alla Chiesa e ai suoi Pastori, ma sceglie autonomamente ciò che vuol credere e non credere - una fede fai da te, quindi" (corsivi di Benedetto XVI). Come una pubblicità di qualche anno addietro ironizzava sui turisti fai da te che finivano inevitabilmente nei guai, così il papa descrive quei credenti che per la loro visione del mondo scelgono di vagliare autonomamente quanto ospitare,o non ospitare, nella mente. La critica papale diviene a sua volta ironica ("battuta impagabile", commenta un editoriale di Avvenire) col dire che tale discernimento autonomo "lo si presenta come coraggio di esprimersi contro il Magistero della Chiesa, mentre in realtà non ci vuole per questo del coraggio, perché si può sempre essere sicuri del pubblico applauso" (corsivo di Benedetto XVI). Qual è invece per il papa il modo giusto di vivere una fede adulta? Lo si ricava facilmente volgendo al contrario le sue critiche: non scegliere autonomamente quanto ospitare nella propria mente, ma ascoltare la Chiesaei suoi Pastori, laddove il verbo ascoltare va inteso nel senso forte di obbedire. La maturità della fede si misura quindi sul livello di obbedienza alla gerarchia ecclesiastica. Il che vale anche per il coraggio, per nulla necessario quando si tratta di criticare la Chiesa (perché anzi si ricevono gli applausi del mondo) ma indispensabile nel caso contrario: "Coraggio ci vuole piuttosto per aderire alla fede della Chiesa, anche se questa contraddice lo schema del mondo contemporaneo". In sintesi il perfetto cattolico per Benedetto XVIè chi vive la fede come obbedienzaa quanto stabilito dalla gerarchia ecclesiastica, senza temere di contrastare il mondo e i suoi falsi applausi. Ma perché il papa insiste così tanto sull' obbedienza alla Chiesa? Non certo perché vuole trasformare i cattolici in un esercito di soldatini senza razionalità, ma perchéè convinto che solo aderendo in toto alla dottrina della Chiesa si aderisce alla pienezza della verità e della razionalità. La ragione infatti gioca da sempre un ruolo essenziale nella teologia di Ratzinger: "La fede cristiana è oggi come ieri l' opzione per la priorità della ragione e del razionale", scriveva da cardinale, aggiungendo che "con la sua opzione a favore del primato della ragione, il cristianesimo resta ancora oggi razionalità". Nel celebre discorso di Ratisbona del settembre 2006 il termine ragione coi suoi derivati ricorre per ben 43 volte. A questo punto appaiono chiari i due pilastri su cui si regge l' impostazione papale: da un lato l' autorità della Chiesa, dall' altro l' autorità della ragione. Lo specifico dell' architettura ratzingeriana sta nel mostrare che in realtà i due pilastri sono uno solo, perché tra la dottrina della Chiesa e la razionalità c' è, per il papa, perfetta identità. Per questo egli sostiene che il cristiano veramente adulto è colui che obbedisce alla Chiesa e ai suoi Pastori senza vagliare autonomamente i contenuti da credere, e con questa obbedienza compie perfettamente l' esigenza di razionalità intrinseca in ogni uomo giungendo alla pienezza della verità. L' equazione è cristallina: "Dottrina ecclesiastica = razionalità = verità". Ma è proprio così? Io temo di no. Senza entrare in complesse argomentazioni teoretiche che ci condurrebbero alla teologia apofatica, è sufficiente un' occhiata alla storia per rendersi conto che non è sempre così e che qualche volta la Chiesa con la sua dottrina stava da una parte e la verità e la razionalità dall' altra. Tralascio lo scontato riferimento alle verità scientifiche e faccio riferimento alla libertà religiosa, oggi tanto spesso difesa dal papa ma fino al Vaticano II osteggiata dal magistero cattolico. Benedetto XVI sa benissimo che se oggi lui sostiene la libertà religiosa in tutte le sedi istituzionali del pianeta lo deve anche a un cattolico adulto quale Felicité de Lamennais che la promosse senza temere di contraddire il magistero della Chiesa del tempo. E quindi chi era più vicino alla verità, Lamennais, cattolico dalla fede adulta non sempre allineato alla Chiesa e ai suoi Pastori, oppure papa Gregorio XVI che per la difesa della libertà religiosa lo scomunicò? Lo stesso vale per una materia ancora più importante per il cristianesimo, cioè la Bibbia. Benedetto XVI sa benissimo che se oggi la Chiesa cattolica promuove intensamente la lettura della Bibbia lo deve prima ai protestanti e poi ai quei cattolici adulti non sempre allineati (un esempio tra tutti, Pasquier Quesnel) che nel passato lottarono contro il magistero che ai laici ne proibiva la lettura. E quindi, chi era più vicino alla verità, Quesnel, cattolico dalla fede adulta non sempre allineato alla Chiesa e ai suoi Pastori, oppure papa Clemente XI che per la promozione della lettura della Bibbia lo condannò? È impossibile negare che oggi di fatto la Chiesa insegna alcune idee promosse da cattolici adulti del passato, oggetto, quando le manifestarono, di esplicite condanne ecclesiastiche. Una significativa controprova è rappresentata dai lefebvriani, perfetta fotografia di come sarebbe oggi la Chiesa cattolica se non avesse dato ascolto a quei cattolici dalla fede adulta grazie ai quali si è attuato il rinnovamento conciliare. Nella ricerca della verità e della giustizia non bisogna mai interrompere l' ascolto di ciò che lo Spirito dice alla Chiesa, senza cercare l' applauso del mondo, ma neppure senza temere le condanne della gerarchia. - VITO MANCUSO

sito web del centro studi economico-sociali per la pace di pax christi italia